Tag Archives: Bigenitorialità

Ancora a proposito del Registro della Bigenitorialità

Bigenitorialità, parliamo di Registro e diamo qualche dato.

Circolano in rete voci vacue circa il Registro della Bigenitorialità. Voci senza fondamento. Fatte circolare più per gettare fumo su uno strumento che potrebbe andare a cancellare ambiti di conflitto nelle separazioni.

Lo dicevo già altrove, chi addita il Registro come strumento di controllo o come strumento per inasprire la conflittualità MENTE sapendo di MENTIRE, oppure trae profitto dalla conflittualità che si genera attorno alla gestione ordinaria delle comunicazioni che riguardano i figli.

A parte il minore che è inerme, proviamo a pensare chi subisce le maggiori restrizioni quando in una separazione o divorzio vengono messi in campo conflitti. Chi si trova relegato nell’angolo, che non può parlare con i figli, che non riesce a vedere i figli, chi non riesce a reperire informazioni sui figli? Sicuramente il genitore che con il bambino non coabita. Quindi non gioverebbe a costui o costei agire conflittualmente.

Il Registro agisce da cuscinetto proprio lì dove i conflitti premono.

Quanto ad essere uno strumento di controllo ci si chiede cosa è da controllare e non si deve controllare?

Lo sappiamo ed è acclarato che oggi la tendenza, dettata dalla legge 54/2006, è quella di affidare i bambini ad entrambi i genitori a meno che esistano situazioni ostative tali da disporre l’affidamento ad un solo genitore o ad un ente terzo.

In caso di affidamento condiviso entrambi i genitori hanno il dovere di vigilare sulla crescita dei figli. Quindi hanno il dovere di conoscere ciò che riguarda il figlio. Allora di che controllo parliamo?

Non è che il Registro invece toglierebbe il controllo e permetterebbe di essere genitori, da qui tanta resistenza?

Pensiamoci.

Del Registro della Bigenitorialità abbiamo già parlato diffusamente qui e qui  e questo è il sito dedicato.

Oggi facciamo il punto della situazione dei Comuni dove è stato proposto, dove è stato approvato e dove è stato respinto.

Possiamo toglierci il dente e toglierci il dolore, annoverando Modena come uno dei comuni che hanno respinto il Registro. Le motivazioni sono da ricercare nella relazione del Garante dell’Infanzia Regionale e da resistenze che sono udibili dall’audio del Consiglio Comunale reperibile sul sito del comune. Così pure a Cesena.

Eppure molti i comuni dell’Emilia Romagna dove invece il Registro è stato approvato. E in altre regioni d’Italia.

bigenitorialità

stato dell’arte del Registro della Bigenitorialità in Italia

Ora tocca alla città di Milano mettere quella crocetta verde sui diritti dei minori a vivere serenamente e non in mezzo a conflitti e diatribe.

Ci contiamo sulla civiltà della nostra città

Registro della Bigenitorialità la storia continua

 Registro della Bigenitorialità, ritorniamo a parlarne. Ne scrivevamo qui e, come dicevamo, stiamo ancora aspettando ma, si sa, Milano è impegnata. Pare abbia altre priorità. Purtroppo dobbiamo constatare che, sebbene Milano sia all’avanguardia in tanti campi, ancora molto resta da fare. … Per saperne di più

Registro di Bigenitorialità

Bigenitorialità il registro a Milano, parliamone. Nessuna società può definirsi civile se non tutela i suoi bambini Nessuna società, per quante iniziative metta in campo, per quanto si agiti a pubblicizzare i propri eventi può definirsi tale se l’intento primario non è … Per saperne di più

Cybercrime e non solo cyber

Cybercrime Il titolo di una nuova serie in onda su un canale di Sky. Lo guardo, l’argomento mi interessa in modo particolare. Nel 2013, per motivi personali, feci una ricerca in Internet e trovai pubblicazioni interessanti. Nel trattato del Consiglio … Per saperne di più