Tag Archives: MFPG

Ancora a proposito del Registro della Bigenitorialità

Bigenitorialità, parliamo di Registro e diamo qualche dato.

Circolano in rete voci vacue circa il Registro della Bigenitorialità. Voci senza fondamento. Fatte circolare più per gettare fumo su uno strumento che potrebbe andare a cancellare ambiti di conflitto nelle separazioni.

Lo dicevo già altrove, chi addita il Registro come strumento di controllo o come strumento per inasprire la conflittualità MENTE sapendo di MENTIRE, oppure trae profitto dalla conflittualità che si genera attorno alla gestione ordinaria delle comunicazioni che riguardano i figli.

A parte il minore che è inerme, proviamo a pensare chi subisce le maggiori restrizioni quando in una separazione o divorzio vengono messi in campo conflitti. Chi si trova relegato nell’angolo, che non può parlare con i figli, che non riesce a vedere i figli, chi non riesce a reperire informazioni sui figli? Sicuramente il genitore che con il bambino non coabita. Quindi non gioverebbe a costui o costei agire conflittualmente.

Il Registro agisce da cuscinetto proprio lì dove i conflitti premono.

Quanto ad essere uno strumento di controllo ci si chiede cosa è da controllare e non si deve controllare?

Lo sappiamo ed è acclarato che oggi la tendenza, dettata dalla legge 54/2006, è quella di affidare i bambini ad entrambi i genitori a meno che esistano situazioni ostative tali da disporre l’affidamento ad un solo genitore o ad un ente terzo.

In caso di affidamento condiviso entrambi i genitori hanno il dovere di vigilare sulla crescita dei figli. Quindi hanno il dovere di conoscere ciò che riguarda il figlio. Allora di che controllo parliamo?

Non è che il Registro invece toglierebbe il controllo e permetterebbe di essere genitori, da qui tanta resistenza?

Pensiamoci.

Del Registro della Bigenitorialità abbiamo già parlato diffusamente qui e qui  e questo è il sito dedicato.

Oggi facciamo il punto della situazione dei Comuni dove è stato proposto, dove è stato approvato e dove è stato respinto.

Possiamo toglierci il dente e toglierci il dolore, annoverando Modena come uno dei comuni che hanno respinto il Registro. Le motivazioni sono da ricercare nella relazione del Garante dell’Infanzia Regionale e da resistenze che sono udibili dall’audio del Consiglio Comunale reperibile sul sito del comune. Così pure a Cesena.

Eppure molti i comuni dell’Emilia Romagna dove invece il Registro è stato approvato. E in altre regioni d’Italia.

bigenitorialità

stato dell’arte del Registro della Bigenitorialità in Italia

Ora tocca alla città di Milano mettere quella crocetta verde sui diritti dei minori a vivere serenamente e non in mezzo a conflitti e diatribe.

Ci contiamo sulla civiltà della nostra città

Convegno dei diritti, ma non di tutti

Mi perviene comunicazione di un convegno dove si parlerà di famiglia. Apro la mail e trovo la locandina in allegato La osservo e rimango colpita dal messaggio che trasmette. Come mio solito cerco di capirne di più. Quasi contemporaneamente parte … Per saperne di più

Parole di Korczak

Dite: E’ faticoso frequentare i bambini. Avete ragione. Poi aggiungete: Perché bisogna mettersi al loro livello, abbassarsi, inclinarsi, curvarsi, farsi piccoli. Ora avete torto. Non è questo che più stanca. E’ piuttosto il fatto di essere obbligati ad innalzarsi fino … Per saperne di più

Le nuove compagne dei padri separati: donne di serie “C” Il diritto di accedere ad una maternità tutelata

Oggi voglio lasciare lo spazio nel mio blog per un articolo scritto dalla mia amica Adriana Tisselli sul numero di GENIODONNA  di Mar_Apr 2012. Un bell’articolo con un titolo forte “Le nuove compagne dei padri separati: donne di serie “C” … Per saperne di più